In articoli/ collezionismo

Il mattino dei maghi di Jacques Bergier e Louis Pauwels nelle sue principali edizioni italiane

Il mattino dei maghi

La bibbia esoterica, come da molti è conosciuto Il mattino dei maghi, è il volume che ha dato inizio al filone del cosiddetto realismo fantastico. Ma non si tratta né di un romanzo, né di una narrazione fantascientifica, né di un documentario o della divulgazione di insegnamenti ermetici, nonostante presenti un po’ tutte queste cose. È bensì un inno alla speranza umana, che si ricollega a fatti e leggende ormai ben radicate nella cultura popolare.

Il realismo fantastico è la variante letteraria del realismo magico annoverato nelle arti visive. È un filone del quale fanno parte quelle opere di letteratura in cui gli elementi magici sono inseriti in un contesto altrimenti realistico. Il boom del genere è avvenuto alla metà del XX secolo in America Latina con il romanzo Cent’anni di solitudine di Gabriel Garcìa Màrquez.

Questo famoso e altrettanto misterioso libro, quindi, è stato pubblicato per la prima volta in Francia nel 1960 dall’editore Librairie Gallimard. La primissima tiratura era numerata e composta da soli 36 esemplari. Di questi, un paio possono oggi essere acquistati a un prezzo che si aggira tra i 3.000 euro per l’esemplare numero 8, e i 4.500 euro per l’esemplare numero 1.

Sergio Solmi (1899-1981), scrittore, poeta e saggista italiano, nella sua introduzione a Il mattino dei maghi ricorda come i primi editori francesi del testo ne avessero paragonato la lettura al cavalcare una cometa. La fantasia ha sempre un duplice volto ed aspetto, come afferma Solmi. In effetti in questo caso siamo di fronte a un libro veramente singolare quanto eterogeneo, nonché contraddittorio per forza di cose. Per avventurarci nella sua lettura, occorre aprire al massimo il compasso della nostra mente nel passaggio fra ipotesi fantastiche e coscienza critica.

Edizioni italiane

L’edizione italiana più recente è quella del 2013, con successive ristampe, della collana Oscar Nuovi Misteri della Mondadori, che riprende le precedenti edizioni del 1997 (con copertine leggermente diverse).

Il mattino dei maghi (2013)
Il mattino dei maghi (1997)

Sempre per Mondadori abbiamo poi l’edizione del 1999 della collana Saggi. Successivamente c’è l’edizione del 1971. Infine c’è quella del 1984 della collana Oscar Arcana, con lo stesso disegno in copertina.

Il mattino dei maghi (1999)
Il mattino dei maghi (1971)
Il mattino dei maghi (1984)

Arriviamo infine alla primissima edizione italiana, quella del 1963, sempre per Arnoldo Mondadori editore. Stavolta la copertina è rigida, con una sovraccoperta dal sognante disegno colorato.

Il mattino dei maghi (1963)
Il mattino dei maghi (1963)

È questa l’edizione che sono riuscita a reperire per pochi euro e che ha attualmente un valore di circa 150-170 euro, a seconda delle condizioni. Ho cercato questo libro per tanto tempo, ma ultimamente sembrava essere sparito dalla circolazione. E proprio nel momento in cui avevo smesso di cercarlo, è venuto da me con tutto il fascino e il mistero che da sempre lo circondano.

Gli autori

Louis Powels e Jacques Bergier

Louis Pauwels (1920-1997) è stato un giornalista e scrittore francese, ex occultista ed ex surrealista, allievo di Gurdjieff.

Jacques Bergier (Jakov Michajlovic Berger, 1912-1978) è stato un giornalista, scrittore e ingegnere francese, nato in una famiglia sovietica di origine ebraica. Scienziato e mitografo, in tempo di guerra fu anche agente del controspionaggio alleato e prese parte al raid per la distruzione della base di razzi a Peenemunde, sopravvivendo all’internato a Mauthausen.


Fammi sapere nei commenti se questo articolo ti è stato utile! ★

Se hai bisogno di aiuto o vuoi saperne di più, scrivimi utilizzando la pagina Contatti qui sul blog.

Stefania