Recensione: The Black Cat di Edgar Allan Poe illustrato da Nino Cammarata


The Black Cat è una delle ultimissime uscite della NPE, la casa editrice del fumetto d'autore di cui ultimamente sto scoprendo il catalogo ricco e variegato! Stavolta ho particolarmente apprezzato questa graphic novel ad opera di Nino Cammarata, adattamento di un celebre racconto di Edgar Allan Poe.



Titolo: The Black Cat
Autore: Edgar Allan Poe, Nino Cammarata (disegnatore)
Editore: NPE
Prima pubblicazione: Giugno 2019
Genere: Graphic novel, Horror
Pagine: 96
Prezzo: Cartaceo 19,90€

Acquistalo su Amazon.
 Non disponibile in biblioteca.

Sinossi: Una tragica catena di eventi aveva infatti portato il suo animo gentile a mutare in quello di un assassino intemperante e perverso, vittima delle sue stesse paranoie. Egli racconta, infatti, di essere stato un uomo perbene, di aver avuto una grande passione per gli animali, in particolare per il suo gatto nero. Poi però, lo spettro dell'alcool ha cominciato ad aleggiare sulla sua vita, peggiorandone l'indole e rendendolo via via più succube, finché una sera...

Voto:


Il gatto nero è uno dei più celebri racconti di Edgar Allan Poe (Boston 1809 - Baltimora 1849), pubblicato per la prima volta nel 1843 sul The Sunday Even Post. Come spesso accade nella produzione dell'autore, anche in questo racconto le vicende sono narrate dal punto di vista dell'assassino, in una sorta di confessione prima della condanna a morte. L'uomo, pur sapendo che non verrà mai creduto, decide di alleggerirsi la coscienza raccontando una serie di "eventi domestici" che lo hanno terrorizzato, torturato e distrutto, portandolo a compiere i gesti disumani per i quali è stato condannato.

Il protagonista inizia il suo racconto partendo dalla propria infanzia e affermando di aver sempre avuto una grande passione per gli animali, fin da bambino. Passione condivisa poi anche dalla moglie, la quale era solita recuperane di tutti i tipi: uccelli, pesci, conigli, cani e un gatto nero di nome Pluto.  Inizialmente felice e affabile, il comportamento del protagonista inizierà a mutare ritrovandosi ad affogare nell'oscura spirale dell'abuso di alcol.

L'intero racconto si configura come una metafora del senso di colpa, ma tratta anche di temi quali la solitudine e il femminicidio, sempre tristemente attuali. Anche qui, proprio come nel racconto originale, troviamo sparpagliati qua e la stralci della sfortunata biografia di Poe: l'assenza della madre, il distacco del padre, la condanna nell'alcol e il destino avverso.

Considerato come il titano iniziatico della letteratura gotica, del terrore, dell'inverosimile e, per alcuni, anche della psicoanalisi (essendo nato prima di Freud), Edgar Allan Poe non aveva filtri con i suoi lettori, proprio come la mente umana non ha filtri con noi stessi. La sua prosa è puro realismo psichico e onirico, e attraverso di essa egli racconta la psiche umana nelle sue mostruose fragilità e nella sua potenza di libero arbitrio. Indubbiamente, occorre una certa abilità nel saper riprodurre, soprattutto nel formato del fumetto, l'aspetto introspettivo psicologico tipico delle opere di Poe. Ma credo che Nino Cammarata ne sia stato perfettamente all'altezza, confezionando un'opera grafica realizzata con un'attenzione minuziosa ai dettagli, arricchita da uno straordinario lettering e da una palette di colori tetra ma al contempo estremamente vivida, tipica del maestro dell'horror.

Consiglio questo volume sia ai fan dell'autore, sia a chi si avvicina per la prima volta ai suoi racconti: vi ritroverete in ogni caso con un gioiellino tra le mani e la voglia di leggere altri racconti di Edgar Allan Poe!


Nino Cammarata, classe 1983, è un artista, illustratore e visual designer siciliano. Dopo il diploma all’Istituto d’Arte ed una breve parentesi all’Accademia di Belle Arti di Catania lascia gli studi per dedicarsi alla pittura e parallelamente inizia il lavoro di grafico in tipografia. Solo intorno al 2009 il suo interesse per le arti e la comunicazione per immagini lo avvicina al mondo dell’illustrazione e del fumetto. Completamente autodidatta, muove i primi passi nell’editoria disegnando le prime copertine di libri per piccoli editori. Nel 2017 l’editore inglese SST Publications pubblica la sua graphic novel The Black Cat, adattamento del celebre racconto di Edgar Allan Poe. Dallo stesso anno collabora attivamente con Edizioni NPE come colorista, illustratore di numerose copertine e disegnatore e autore di graphic novel. In questi anni, oltre a realizzare svariate copertine di libri per editori italiani ed esteri, ha curato l’artwork delle copertine dei dischi di artisti del panorama musicale nazionale e internazionale. Oltre che illustratore e grafico, Nino, è anche pittore: dipinge da quasi vent’anni e le sue opere sono state acquistate da collezionisti privati di tutto il mondo.

2 Commenti

  1. Non mi è mai piaciuto particolarmente Poe e quindi anche il mio parere su The Black Cat, che ho comunque letto, non è molto positivo... ma solo perchè non è il mio genere. Da quello che ho visto però anche su Ig le illustrazioni sembrano molto azzeccate :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, sono gusti e Poe può essere molto "crudo" nel narrare le sfaccettature della psiche umane! Ma a parte questo ho trovato molto belli i disegni dell'illustratore e il modo in cui ha resto la storia. =]

      Elimina